giovedì 17 febbraio 2011

Anche i ricchi possono (quando vogliono)

Non ci ero mai entrata. Mi metteva un po' di soggezione.
Certe vetrine luccicose fanno venire l'acquolina in bocca, specie se oltre a vestiti e borse da budget improponibili ci mettono dentro anche un bel libro.
Quest'anno Hermès ha dedicato il libro di foto artistiche alla città dove vivo. Foto eccezionali, affezione campanilistica, tiratura limitata: un'occasione troppo golosa per non indurre in tentazione una troppo recente ex bibliotecaria.

Domani sarà il compleanno della mamma di Paul. Un compleanno importante.
E così mi sono fatta coraggio, e sono entrata. E ho chiesto il libro.

"Signora, si tratta di una pubblicazione già esaurita, di cui abbiamo fatto omaggio solo alle nostre migliori clienti."

[ ehm ... ecco perché io non l'ho ricevuto ... ]

Non mi arrendo. Nonostante tutto, sono una bibliotecaria io, e non posso rassegnarmi a non avere tra le mani l'oggetto del mio desiderio.

"Glielo mostro, signora, ma é come se non l'avessi fatto."

Wow. Adesso ho un segreto con il commesso di Hermès. Ora che il mio concupito é più vicino posso passare al regalo per Nonna A.

Espongo il mio misero budget, che da Hermès non lascia alternative. Ma tutto sommato é quello che volevo, e che farà piacere a Nonna A.
Il commesso, con vera eleganza, non fa una piega, e mi porge il coupon per inserirmi tra le clienti del negozio.
[gesto da vero gentiluomo, non c'é che dire ...]

Eccolo, é lui. Arriva su un vassoio. E' più piccolo di quello che mi aspettavo.
"Prego, Signora, si può appoggiare qui."

Comincio a sfogliare. Abito in questa città da cinque anni, e comincio a riconoscere i luoghi, e mi emoziono un po' a pensare che mi ci sto proprio affezionando.
Deve essere passato così circa 1/4 d'ora, e sono ancora qui, nella elegante cornice di Hermès a guardare un libro meraviglioso, e con ogni probabilità non ci sarà una seconda occasione.

"Signora, può sfogliarlo con calma .."

[Ecco, il gentiluomo mi sta gentilmente dicendo che me ne devo andare ...]

"É suo, signora, può portarlo a casa."

Sono uscita con ben due pacchettini di Hermès, avevo il mio concupito per sempre, e mi sentivo tanto tanto leggera...
Emozioni da ex bibliotecarie ...

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Anch'io adoro Hermes: ogni tanto mi faccio dare campioncini di profumi favolosi e le commesse mi trattano con una gentilezza che lascia intendere che potrei anche essere una vera cliente!
A volte vai da Benetton e ti trattano con la spocchia...

Corie ha detto...

come si dice ... la classe non é acqua!

Paolo Pugni ha detto...

ma come, scrivo nell'intervista che il tuo blog non permette commenti e mi freghi così... unfair! Complimenti Corie, mi insegni come si fa ad avere gratis un libro così bello?
Buon weekend
Paolo

Corie ha detto...

Vero, Paolo, ma giuro non sapevo che lo avresti scritto!!!!
Tutto sommato ho pensato che avere degli amici 2.0 non é poi così male ...