venerdì 25 febbraio 2011

Il repertorio delle mamme


Stanotte si é salvata solo Santa Rosalia. Ci sono andati di mezzo tutti:  la signora dell pulizie, il Dirigente, la vicina che cucina con l'aglio, le facce eloquenti di Paul,  la commessa del supercato, i post it che non trovo mai.
Pur di non prendermela con lui.
Bimbo si é svegliato anche questa notte.
Dopo una notte passata in bianco per la febbre alta, e una in cui la sua sveglia naturale é suonata alle 4,30.
Non aveva temperatura, non aveva certamente caldo, né freddo. Non aveva fame. Solo non aveva sonno. Cullato, coccolato, cambiato. Niente da fare.

A mali estremi, estremi rimedi. Quando mi ricapita di poter vedere la puntata registrata delle Desperate Housewives?
Peccato che l'idea sia stata eccessivamente di suo gradimento: ha guardato la puntata con più attenzione di me.

Impietosito, Paul ha ceduto il lettone, accontentandosi di dormire sul divano, ma pur sempre di dormire. Privilegi dei papà.

Mentre io e Bimbo, nel lettone, abbiamo rinunciato all'idea di riposare, abbiamo sfornato il meglio del repertorio mammesco: giochi con le mani, filastrocche, favole, ninne nanne.
Privilegi delle mamme.

E stanotte ho capito che il confine con la follia non é poi così lontano.
Basta perdere il sonno.

5 commenti:

Potolina ha detto...

eheheeh!! come ti capisco!!! ma Bimbo è un mito: guarda casalinghe disperate!?!?!?!? Forse prende spunto da lì per portare alla disperazione!!! eheheheh!!! ;-P
p.s. sono cose che non dimenticheremo mai!!! e con noi chi ci capita sotto tiro!!

rocciajubba ha detto...

E' la linea sottile...che conduce al delirio. Osseticapisco!

Corie ha detto...

@potolina: in effetti non sono proprio programmi per bambini, menomale che era una delle puntate lecite anche ai minori (...)
@RJ... lo so, é un delirio abbastanza diffuso ...

palmy ha detto...

Hai tutta la mia comprensione... anche se per me questi sono solo lontani ricordi... bé, ora che ci penso meglio tanto lontani no... fino a due anni fa ancora mia figlia (che ora ha 9 anni) si svegliava e veniva a farci compagnia nel lettone con conseguenze disastrose per la mia schiena...

madamadorè ha detto...

Corie, lo sai, in questo lento cammino verso la follia non sei sola!