martedì 31 gennaio 2012

L'Amore va Oltre

La Messa di Corie è una Messa sgarrupata, diciamoci la verità: c'é odore di vecchio, aria viziata, lampadari senza lampadine, un coro di suore filippine, un sacerdote a cui qualche volta cade la dentiera, e l'età media dei fedeli si aggira tra i 70 e gli 80 anni.

Qualche volta Corie dimentica quanto sia sgarrupata e ci porta pure Bimba, la quale, all'uscita, non può fare a meno di dire: "Mamma, è un po' noiosa questa Messa...."

Allora Corie ha pensato che sarebbe più carino portarla alla Messa degli scout in parrocchia, o organizzare di andare con qualche altro amichetto.

Ma ... tesoro mio, non sarebbe giusto: sarebbe come farti pensare che ti sto portando ad una festicciola dove quello che conta è l'animazione e il contesto.
E non é così.
La festa, che, confesso, in mezzo a quell'atmosfera anni '40 della Messa sgarrupata è difficile vedere anche per me a volte, la fanno gli angeli del Cielo ogni volta che qualcuno entra e, facendosi il segno della croce, partecipa al Miracolo che si rinnova ogni giorno.
E pensa quanta festa fanno a te, piccina mia, che porti un po' di allegria in mezzo a questo pubblico un po' sconsolato e pieno di acciacchi.
Mi sa che tutti gli angeli quando ti vedono entrare fanno il tifo per te, affinchè tu rimanga fedele, affinché tu possa imparare a guardare oltre l'apparenza di quella Messa sgarrupata.
"mamma, ma io voglio vedere Gesù! dov'é?" mi dici.
Gesù è nei Suoi doni, certo: in tutto quello che ha creato di bello c'é un pezzo di Amore per te: nel mare, nelle belle giornate di sole, nella neve, nei prati.
Ma è anche in quel sacerdote a cui cade la dentiera, in quel vecchietto che si appoggia al bastone, nella vecchietta affianco a noi che tossisce roca, nella suora noventenne che tremando distribuisce la comunione.
Perché Gesù è attaccato alla Sua Croce, e quando riconosci la Croce, e impari ad amarLa allora Lo hai visto davvero.


Ma magari, qualche volta, se ci svegliamo prima la domenica, alla Messa scout ci possiamo anche andare.



9 commenti:

Amammuzza ha detto...

E' proprio bello quello che hai detto a Bimba. E' difficile trovare qualcuno che ci crede veramente come si legge dalle tue parole.
Io vado vicino casa. Una chiesetta piccola e pienissima di gente di tutte le eta'. Io da quest'anno porto con me anche il terrorista che ha cominciato il primo anno di catechismo. La polpetta ogni tanto, quando proprio non posso farne a meno perche' i piccoli fanno fatica a stare buoni 1 ora.
A Messe sgarrupate ho partecipato anche io e ho avuto anche io ho la stessa sensazione, stare piu' raccolta e attenta.
L'omelia pero' e' importante il parroco anche se con la dentiera, ho bisogno che parli al mo cuore.
Baciuzzi.
P.S. Ehm...scusa se ho scritto un post nel tuo post!!

Maggie ha detto...

ma che belle queste riflessioni, grazie per avercele regalate...

e grazie anche per il premio! qualche mese fa l'avevo ricevuto. vale??? :)!!
non te l'avevo mai scritto ma sono contenta che sia tornata!

Hill ha detto...

Portala alla messa scout, a fare i canti con i gesti e a pregare con allegria. Si accorgerà che altri bimbi hanno la voglia di andare alla Messa. Avrà tempo di capire tutte le cose complicate che stanno dietro al significato di quella amata Croce...per ora può vedere solo la noia del prete ottantenne o la gioia degli scout che affrontano giocosi l'avvicinarsi a Gesù! Scusa se mi son permessa!!!

monica ha detto...

Che bello il tuo post; fa pensare ...; perchè anche noi grandi magari scegliamo la Messa più bella, più allegra, dove il prete è più simpatico. Grazie per i tuoi pensieri e un abbraccio.

Puffola Pigmea ha detto...

Premetto che noi non siamo religiosi.
PErò io ho sempre pensato che il rito Cattolico sia davvero tremendo, anche quando la messa la frequentavo, da ragazza.

Si parla di gioia, promessa, vita eterna, amore, doni... e lo si fa in un ambiente funereo che la metà basta. Certo, ci si va per convinzione e non per fare festa. Ma dove sta scritto che bisogna celebrare l'amore di dio al buio, al silenzio e con poche parole biascicate?

Ma pensa, per esempio, alle chiese Battiste. Quelle in cui si canta e si balla tra i banchi, con cori gospel da far invidia ad Aretha Franklin. Dici che quei fedeli saranno meno fedeli dei Cattolici? Meno convinti?
Secondo me no.
E sicuro escono dalle funzioni più rinfrancati e più riappacificati con la vita e con Dio.

Parere personale.
ciao
A.

Corie Bratter ha detto...

no no, non mi permetterei mai. il fatto che io vada alla Messa sgarrupata è dovuto al fatto che sia sotto casa e abbia orari comodi. Naturalmente so che ci sono Messe animate, ma vince la pigrizia: devo prendere la macchina, e la domenica mattina proprio non mi va.
l'amore si celebra con la gioia, eanche con la sofferenza, nel bene e nel male, era solo questo il senso del post.

Potolina ha detto...

Trovo azzeccatissimo il titolo al post...l'Amore va oltre ...va oltre l'apparenza, va oltre ciò che vediamo, va oltre quello che desideriamo e trovo giusto che sin da bambini si apprenda bene questo concetto...Qui non si tratta, come dice Mary Poppins di indorare la pillola o lasciare che con un poco di zucchero vada giù...qui si tratta di vedere che oltre il piacere momentaneo o la sofferenza momentanea c'è un Bene più grande e più a lungo termine! L'Amore non è solo sentimento o appagamento dei bisogni, ma un atto di volontà...e accettare anche quello che proprio non ci va giù è la base per la costruzione della felicità...un bacio!!!

Azienda Agricola Cà Versa ha detto...

Ti invitiamo, se non ancora hai partecipato, al nostro Giveaway! Affrettati ci sono in premio i nostri prodotti gustosi!!

http://agriturismocaversa.blogspot.com

CioccoMamma ha detto...

ecco io non sarei riuscita a risponderle così, si vede che è una cosa che senti e ti viene spontaneo spiegarla con questa facilità. brava