venerdì 30 marzo 2012

Il venerdì del libro: Colazione da Starbucks

L'ho comprato perché:

- era in offerta remainders su BOL (l'ho pagato meno di 4 €)
- la recensione di Chiara mi aveva incuriosita
- mi piacciono le storie di donne e dell'Iran moderno

Una ragazza iraniana riceve come regalo dai genitori un viaggio in Arizona, che ha più il significato di un invito alla fuga che il dono di un viaggio di piacere.
Solo che Tamila ha a disposizioni solo tre mesi per cercare marito e poter rimanere in America (causa scadenza del visto), e così la sorella che vive già lì le organizza ogni genere di incontro con i ragazzi iraniani immigrati.
Da una parte gli incontri con tipi uno più bizzarro dell'altro, e dall'altra le sue prime conoscenze con i ragazzi americani creano una serie di situazioni da commedia degli equivoci, che ne fanno una divertente chick lit a lieto fine.

Per chi vuole avere un'idea del modi vivere delle donne iraniane senza arrabbiarsi troppo: l'ironia e il romanticismo sono i veri protagonisti di questo romanzo.
Praticamente  l'opposto di Viaggio di nozze a Teheran.

Questo post partecipa ai Venerdì del libro di Homemademamma.

mercoledì 28 marzo 2012

#mefelice in 10 mosse

  1. Le braccia di Paul
  2. L'ultima sospirata pagina di un libro
  3. Ascoltare Bimba e le sue storie inventate con draghi e Peter Pan
  4. Vederla ballare SugarSugar e compiacermi del fatto che non sbaglia una sola parola della canzone
  5. La cioccolata prima di andare a dormire
  6. Chiacchierare al telefono con mia nonna novantenne
  7. Provare a interpretare correttamente il bimbese strampalato del duenne
  8. Compiacermi del fatto che sì, i bimbi sono ancora tanto piccoli, e io ancora giovane
  9. Svegliarsi tardi la mattina
  10. Pasticciare in cucina il sabato pomeriggio...
.... e sentirsi dire a cena: "mamma, a me piacciono i piatti che preparano le suore e quelli che prepara papà."
E sapere che no, non ha dimenticato nessuno.

Mammola mi ha invitato a scrivere i miei dieci piaceri della vita, e io giro l'invito ad altre 5 amiche blogger:

Satoko di Chicche e coccole
Sunshine di Era meglio un pesce rosso
Stefy de La scatola con la pecora
Stefania di Libri ed emozioni
Suster di Pisa & Love

Il caffé, tra amiche virtuali, si prende così.

martedì 27 marzo 2012

Quando i duenni vanno a scuola

Dopo un attimo di esitazione, il bimbo entra in classe.

La mamma, come nel più classico degli inserimenti, si siede in un angolino  e osserva.

La maestra accoglie il bimbo con un sorriso e una valanga di proposte di gioco.

Il bimbo non vuole giocare con niente. "NO, NO, BLUTTO!"

La maestra non si arrende.

Il bimbo lancia per terra ogni giocattolo che ha tra le mani.

Si avvicina al tavolino dei compagni e butta tutti i loro giochi per terra.

La mamma si vorrebbe sotterrare.
Si chiede dove mai sia finito il bimbo simpaticone, allegro, estroverso, un po' pagliaccio, ma dolce e coccolone.
Vorrebbe intervenire, ma sa che non può.
Sa che qui l'autorità è la maestra, ed è con lei che il suo bimbo deve fare con i conti.
Perciò rimane nell'angolino a osservare, ma la sua faccia è abbastanza eloquente.
E anche quella della maestra.

La maestra si riavvicina con dolcezza.

Ma il bimbo la scansa.

Per fortuna la prima ora di inserimento è finita, e la mamma si accinge a uscire con il  bimbo.

E incontra la direttrice:
"Ehi mamma, ma con questo bimbo ci devi lavorare un po' tu.
Devi dargli delle regole, devi fargli capire chi comanda."

Dopo questa ora che ha spiazzato qualche certezza della mamma, è già molto difficile convincere se stessa di avere delle proprie teorie e pratiche educative, e ricordarsi che, sì, il bimbo qualche volta ci prova anche a casa,  ma ovviamente non gli viene consentito di comportarsi in questo modo.

Perciò la mamma non ribatte, ma incassa, e umilmente risponde:
"Qualche esempio?"

"Non ceda i suoi capricci, lo lasci piangere, mantenga sempre una calma da Dalai Lama. Lo premi quando fa qualcosa di buono con un abbraccio."

La mamma la guarda un po' perplessa, e riflette, senza ribattere, sul fatto che questo già succede, anche se la direttrice sembra poco propensa a crederlo.

Forse Bimbo sarà uno di quei bimbi di ci sparleranno tutti considerandolo un irrecuperabile monello.

Forse  deve imparare solo a fidarsi di nuove figure.

Forse deve solo abituarsi.

Forse é spaventato perché non sa bene che cosa lo aspetta.

Forse sarà uno di quei bimbi che hanno timore di affrontare situazioni nuove.

Forse  non basta amare i figli con la stessa intensità.

Forse è il momento di cercare in modo nuovo il loro bene.

Sicuramente è il momento dui dedicarsi a questo piccolo duenne.

venerdì 23 marzo 2012

I venerdì del libro: Coccole

Ore 20,45. Casa Bratter.
Seduti sul puff della cameretta.
Con la luce della lunetta gialla.
Bimbo accanto a Corie.
Bimba sul lettino, che lei ora é "grande" e aspetta il suo turno per la storia di fate e principesse.
Nel frattempo però conosce tutto il libro a memoria, e lo recita insieme a Corie che lo legge.
Bimbo sceglie le storie una ad una in ordine sparso, e ricorda tutte le espressioni onomatopeiche con cui inizia ogni racconto.

Le 12 storie del libro raccontano delle paure di ogni bambino (l'arrivo di un fratellino, combinare un piccolo guaio in casa, sentirsi poco accettato dagli amici, deludere la mamma, etc. etc.) e si concludono con le parole di conforto della mamma che offrono ai piccoli delle soluzioni.

Credo di aver regalato questo libro a (quasi) tutti i figli delle mie amiche.

Questo post partecipa al Venerdì del Libro di Homemademamma.

giovedì 22 marzo 2012

Cosa mi metto in borsa

Però, che borsa.
Da quando l'ho comprata esiste solo lei. Inverno e estate, jeans o abitino. Marrone, nero o blu. Con i tacchi o le sneackers.
sì, vabé, é un po' inflazionata. E il modello che ho è forse tra i più economici (si fa per dire). L'ho comprata quando ho saputo di aspettare Bimbo: sapevo che non ci sarebbero stati molti altri lussi dopo.
E ho fatto bene.

Questa la premessa.
E ora la sostanza:

Ecco quello che vorrei avere nella borsa:
  • qualche  foto dei bimbi;
  • una foto di Paul;
  • la prima lettera d'amore di Paul;
  • una piccola trousse;
  • uno specchietto;
  • un'agendina vecchio stile, di quelle con la copertina in pelle e la pennina piccola piccola;
  • un libro;
Ecco quello che c'é nella mia borsa:
  • lo zainetto di Bimbo, con pannolino, salviettine umidificate, acqua e crackers (che da quando non sono riuscita a sentire una parola della poesia che  zia Bratter junior ha dedicato al fratello di Paul il giorno del loro matrimonio, non ho fatto più l'errore di non portarli)
  • 2-3 macchinine, un aereoplanino e l'album degli adesivi delle principesse. Ecco, qui si può introdurre qualche variante; a volte sono gli adesivi delle bamboline)
  • ben due portafogli, uno di casa (visto che sono la ragioniera di casa Bratter) e uno mio: entrambi il più delle volte vuoti;
  • una marea di post it e fogliettini sparsi dove appunto ricette copiate al volo;
  • il mio iphone, nel quale ci sono le foto dei bambini e la musica che mi piace;
  • occhiali da sole (che io li uso anche con la nebbia, confesso)
  • burro cacao
  • fazzolettini usati di Corie, fazzolettini usati di Bimba, fazzolettini usati di Bimbo;
Direi che il contenuto della mia borsa soffre di un fortissimo complesso di dicotomia cronica.
E non provate a dire che è lo specchio di chi la indossa.

Questo post partecipa al blog candy di Le tre gonne di Villa P.




martedì 20 marzo 2012

Primi discorsi di un duenne

"Mamma, llacqua"
"Sì, Bimbo, vai a prendere il biberon in cameretta."

"Paura. Mottri."

"Ma non ci sono mostri in cameretta!"

"Mottri brutti: paura!"

Qui due sono le cose: o il piccolo è traumatizzato, o é un gran paravento.
La seconda che ho detto, secondo me.

lunedì 19 marzo 2012

Quando arriva la Primavera

Quando ci si sveglia alle 6 ed é già quasi giorno;

Quando si riapre la casa al mare per farci il pic nic della domenica;

Quando Bimba torna da scuola con le guance rosse che sono stati tutto il tempo in giardino a giocare;

Quando Paul si becca puntualmente la sua bronchite di stagione;

Quando si avvicina il compleanno di Bimba;

Quando il compleanno di Bimbo é appena passato;

Quando si attraversa il parco, e si deve stare attenti a non calpestare le lucertole stese al sole;

Quando si cominciano a guardare le guide agli agriturismi e ai parchi acquatici;

Quando si avvicina l'onomastico di Paul e si cominciano a guardare i centri benessere;

Quando si prenota la nave per tornare d'estate a casa di mammà;

Quando di respira fuori la mattina presto, ci si sente più allegri, e non si sa bene il perché.

Queso post partceipa al contest di Udine, la mia città e Nonna Pina e Francesca Azzano.

domenica 18 marzo 2012

Premi da blogger

Carissima Stefania,
grazie mille per questo premio.


Il premio "Blog 100% affidabile", secondo coloro che l'hanno inventato, si distingue perchè: 
* è aggiornato regolarmente
* mostra la passione autentica del blogger per l'argomento di cui scrive
* favorisce la condivisione e la partecipazione attiva dei lettori
* offre contenuti ed informazioni utili ed originali
* non è infarcito di troppa pubblicità.

Cosa deve fare chi riceve il Premio ?
A) Se ricevi il premio, scrivi un post sul tuo blog ringraziando il sito/blog che ti ha nominato con un link ed inserisci dove preferisci sul tuo sito/blog il distintivo de "Il Blog Affidabile" che trovi in questa pagina. Spiega inoltre brevemente quando e perché hai deciso di aprire il tuo blog.

B) Nello stesso post segnala altri 5 siti/blog che a tuo giudizio sono meritevoli di menzione. Ricordarti di far precedere l'elenco dei blog che hai scelto da questa dichiarazione solenne:
"Dichiaro che i blog seguenti da me scelti rispettano le 5 regole del Premio "Il Blog Affidabile"  disponibili a questa pagina http://www.gliaffidabili.it/a/altro/il-premio-il-blog-affidabile . Sono pertanto una risorsa utile per gli utenti della Rete e meritevoli di essere conosciuti da un pubblico più ampio".

C) Fai sapere ai blog/siti che hai scelto che sono stati premiati inviando loro un link a questa pagina se vogliono saperne di più sul Premio e sul suo funzionamento.
A piedi nudi nel parco .. é nato nel novembre 2010 perchè i social network non mi bastavano più: una comunicazione troppo concisa, troppo superficiale.
Cercavo un modo per mettere per iscritto i miei pensieri, e non dimenticarle nel tempo; un modo per non dimenticare questi anni, e le avventure dei miei bimbi e della mia famiglia.
Molte delle mie amiche blogger hanno già ricevuto il premio, spero anch'io di non consegnarlo per sbaglio 2 volte. n ogni caso: si vede che lo meritate!!!
I blog nominati sono:
Vado a distribuire i premi alle mie amiche blogger.

venerdì 16 marzo 2012

Il venerdì del libro: Viaggio di nozze a Teheran

Dopo tutto il tempo che ci ho messo per leggerlo, merita un post.

Libri come questi mi fanno tornare in mente una vecchia intervista di Minà a Massimo Troisi e Pino Daniele, che potete trovare qui, se avete voglia di sdrammatizzare un po' ...


"Tu soffri due giorni e fai una canzone di 3 minuti, ma io per fare un film di 3 ore devo soffrire da quando ero piccolo"

Raccontare una storia può nascere da una grande passione, ma anche da grandi sofferenze: per questo il filone iraniano tira tanto ultimamente.

E questo, nonostante il titolo, non é un libro d'amore.
L'incontro con Arash piuttosto mette l'autrice protagonista difronte a nuove sfide nella società, data la sua condizione prima di convivente e poi di moglie e madre.
E' un libro sulla storia degli ultimi anni in Iran, sulle contraddizioni della censura, sul dilagare della corruzione che questa comporta, sulla condizione delle donne e dei bambini.

La cosa bella é che é scritto da una giornalista di orgini iraniane, ma cresciuta in California, che ama profondamente il suo Paese e che cerca lì le sue radici: la sua famiglia e la sua fede.
E lo fa contro il parere di tutti: suo padre, sua madre e chiunque conosca la sua storia.
Ma lei, testarda, pensa che ci possa essere una via per vivere in un Paese di fatto dittatoriale.
Deve arrendersi, ma lo fa a malincuore.

Questo post partecipa ai Venerdì del Libro di  Homemademama.

giovedì 15 marzo 2012

Come ti aggiusto il blog

Certo, qualche dubbio viene se il post del vincitore del giveaway ha meno di 10 visualizzazioni.
Ma se non fosse stato per Madamadoré Corie neanche se ne sarebbe accorta.
E così, Corie ha guardato nel forum dell'assistenza per vedere se qualcuno avesse per caso avuto ultimamente lo stesso problema: niente.
Allora Corie ha postato due messaggi per avere assistenza: nessuna risposta.

A mali estremi, estremi rimedi: Corie va su SAN GOOGLE e scrive chiara e concisa: i followers non visualizzano gli aggiornamenti.

E così spunta Alice, che aveva segnalato la cosa a settembre. Ma non trovando le risposte al suo post (deve essere un brutto vizio questo dell'assistenza) Corie é andata direttamente sul suo blog.

Bellissimo. Come diceva suo nonno I.? "Chi ti dice che sia una disgrazia": quantomeno in tutta questa vicenda aveva scoperto un bel blog. E abbiamo anche un sacco di amiche blogger in comune.
Corie le ha scritto una mail: mi ha risposto in meno di mezz'ora.
"vai su impostazioni - altro - e lascia in bianco URL di reindirizzamento feed post."
Fatto. Risolto.
Grazie Alice.

mercoledì 14 marzo 2012

Qualcosa é cambiato

Corie ha passato una settimana con mamma e papà, arrivati puntuali per il compleanno di Bimbo.
Anche questa volta aveva programmato 3 gite, sessioni di cucina e shopping, festicciole e spedizioni alle giostre.
E anche quest'anno il tempo inclemente ha corretto i programmi, e i giorni di ferie Corie li ha passati praticamente tutti in casa con mamma e papà, e con i bambini, che nel frattempo si erano beccati una mezza bronchite. Per fortuna sono guariti in tempo per la festa.

Nata e cresciuta col mito della sua famiglia, non é facile confrontarsi con una madre che ha avuto 4 bambini, insegnava greco e latino e aveva (una parte della) casa sempre ordinata a e pulita, le camicie del marito sempre stirate e ogni domenica piatti da chef. Povera Corie.
Per non parlare di suo padre: filosofo, coerente, loquace, romantico e ironico. Povero Paul.

Per la prima volta Corie si é sentita fiera di sé e dei suoi Bratter: con due (per ora) bambini, con un lavoro che non é quello che lei aveva sognato, con la casa in disordine, le camicie di Paul stirate una volta ogni 10 giorni, e i pic nic della domenica.
E con Paul, con le sue risposte concise, con le sue facce eloquenti e con le sue serate passate davanti alle partite.
Soprattutto Corie ha smesso di indagare le ragioni dell'amore altrui, per scoprire che forse in amore non bisogna sempre chiedersi perché, ma come.




martedì 13 marzo 2012

Mi si é rotto il blog

Avevo qualche sospetto, in effetti. E poi un'amica me lo ha fatto notare. Pensavo, per la veritá, che dipendesse dal fatto che qualche volta posto dall' Iphone.
Così ho cominciato a fare un po' di prove: e secondo Blogger non avrei scritto post dal 13 febbraio ...
Così ieri mi sono decisa e ho scritto all'assistenza, e ho scoperto un po' di cose che non sapevo si potessero fare, tipo le visualizzazioni dinamiche, e che prima o poi, quando avró 2 orette per me mi riprometto di studiare.

Insomma, siano in piena era eremitica del blog. Il che potrebbe voler dire scrivere per qualche tempo solo per se stessi. Vorrebbe dire tornare un po' adolescenti, al vecchio diario col lucchetto: pagine di introspezione estrema e pagine di idiozie pure.
Non molto diverso dal blog, in fondo. Pagine di noi che non vogliamo dimenticare.

lunedì 12 marzo 2012

L'amore a 5 anni, o su per giù

"mamma, io e E. siamo fidanzati."

"Davvero?"

"Sì, mamma, non ti preoccupare, mi tratta bene!"

...

"Bimba, cosa vuol dire che tu sei la sua fidanzata?"
 (di 'sti tempi, non si sa mai ...)

"che lui mi difende. e poi mamma, io amo solo lui, e lui ama solo me."
Romantico, però.

Una sera, prima di andare a dormre:
"Mamma, ho detto a E. una cosa un po' moderna: mi batte forte il cuore per te!!!"

1 settimana dopo. Corie e i bimbi sono stati ad una festa. In macchina, tornando:
"Mamma, io amo S."

"Ma come S.? E il tuo compagnetto E.?"

"Niente, siamo amici."

Spietata. La vedo dura:)

venerdì 9 marzo 2012

Il compleanno di Bimbo

Lui che ha sconvolto la tranquilla e metodica vita di Bimba;
lui che pensa fermamente di essere Peter Pan;
lui che, quando ho guardato il test positivo, già sapevo che fosse maschietto;
lui che vuole sempre correre e ballare;
lui che non gli interessa per niente cucinare;
lui che vuole sempre la stessa favoletta la sera;
lui che quando ama pizzica il collo;
lui che non ha ancora fatto un giorno di asilo;
lui che conosce già il touch screen;
lui che mi ha fatto cambiare idea sulle mamme dei maschi;
lui che mette in discussione le mie convinzioni pedagogiche;
lui che ama le coccole e gli abbracci;
lui che parla il bimbese, ma ha imparato bene a dire "NO";
lui che oggi fa il compleanno e compie 2 anni.

Ma quanto crescono in fretta?

martedì 6 marzo 2012

Le sorprese di un giveaway

Chissà se é normale quest'ansia che ci unisce. A noi che ci prepariamo alla prima elementare, intendo.
Legge. Non legge. Scrive. Non scrive. Stampatello. Corsivo. Maiuscolo. Minuscolo.
Da quando é cominciato il tempo delle pre(i)scrizioni non c'è pace.
E Corie é una mamma come le altre , e, sì, si é lasciata coinvolgere in questa patologica ansiogena fobia della preparazione alla prima elementare. Così si é presentata a casa un pomeriggio armata di Abbecedario, determinata a sondare il grado di competenze di Bimba, la quale, dopo la lezione di danza, si é dovuta sottoporre ad una sessione di scrittura in corsivo: era poi così difficile scrivere "coccodrillo"?
Cosa sará mai questa "l" corsiva che sembra così complicata.
Corie é uscita da questa sessione alquanto confusa e un po' avvilita. Bimba ne é uscita altrettanto confusa, e con una leggera ansia da prestazione.
Il minimo, direi.
Dopo giusto due paroline e una eloquentissima faccia di Paul, Corie ha rinunciato volentieri al ruolo di madre precettrice, lasciando alla scuola l'ingrato compito di istruire gli analfabeti.
E così, mentre ieri preparavano i 75 bigliettini per l'estrazione del giveway , Bimba ha voluto scrivere qualche nome. Letterina per letterina Corie le ha dettato quelli più semplici, e si é scoperto che riconosce tutte le lettere in stampatello e le scrive.

E questa é stata la più grande sorpresa che mi ha fatto l'organizzazione di questo giveaway, insieme a tante piccole altre.
scusate, ma per una mamma che andrá in prima non é poco.


lunedì 5 marzo 2012

Estrazione primo giveway di Corie

Come vi avevo promesso Corie e Bimba si sono dedicate questo pomeriggio a fare i bigliettini e alla tanto attesa estrazione.
Spiegarle che cosa stavamo facendo esattamente non é stato del tutto facile.
Bimbo nel frattempo si é dedicato a martellare con gli attrezzi di Manny le sedie di legno del salotto.
Ma almeno di quelle vi ho risparmiato la foto.
Veniamo a noi: rullo di tamburi e ...

La vincitrice estratta é:
Palmy!!!!
Vengo subito ad avvertirti sul tuo blog, puoi mandarmi il tuo indirizzo privato a: blogapiedinudinelparco@gmail.con .
Grazie mille a tutti di aver partecipato, é stato davvero bello organizzare questo giveway.
Buona lettura, Palmy!

Il libro é già pronto per essere spedito:



P.S.: Naturalmente è stato girato un video dell'estrazione, ma i potenti mezzi di Corie non hanno consentito stasera di caricarlo. Spero vi fidiate del fatto che il tutto sia stato fatto più che correttamente. In ogni caso rirpoverò nei prossimi giorni, magari sono più fortunata.




giovedì 1 marzo 2012

meno cinque

Mancano solo cinque giorni all'estrazioni del primo GIVEAWAY per internauti senza paura.
In palio il libro di Costanza Miriano "Sposati e siii sottomessa".
Fossi in voi non me lo perderei.
Nel frattempo, in questo mese ho studiato, e ho imparato a usare random. org.
Non so, l'idea che estragga Bimba mi sembra più bella. Vi farò sapere. 
Si accettano suggerimenti e consigli.
Ed ecco l'elenco delle partecipanti:
  1. Monica
  2. Gioia
  3. Annalisa
  4. Satoko
  5. Mammola
  6. Giorgia
  7. Andruscha
  8. Miss mary
  9. Bimbiuniverse
  10. Stefy
  11. Ale
  12. Mamma_pasticciona
  13. Parola di Laura
  14. Slela
  15. Sunshine
  16. MonicaJ
  17. Tri mamma
  18. Ale
  19. Tris
  20. Francesca
  21. Chiaretta
  22. Elisabetta
  23. Twins(bi)mamma
  24. Claudia
  25. Ladyturtle
  26. Giusy
  27. Palmy
  28. Madamadoré
  29. MammaMoglieDonna
  30. Pippicoco
  31. Punkettina85
  32. Patri.Sheva
  33. Anna Chiara
  34. Adry e le tre gonne di Villa P.
  35. Gracy
  36. Puffola Pigmea
  37. Caty
  38. ShiningLittle Star
  39. Piukina
  40. LauraValzy
  41. Adry
  42. Angela
  43. Daniela
  44. Hegles
  45. Crisgabrisa
  46. Missnothing992
  47. Simo Zimunita
  48. Carmen
  49. Brenda
  50. Chicca Tamburrino
  51. Cristina
  52. Micia
  53. Pupottina
  54. Valepi
  55. Daiana90
  56. Federicasole
  57. Endora
  58. Stefania
  59. Lucia
  60. The siren
  61. nadia
  62. Charlyen
  63. Allafinearrivamamma
  64. topolina
  65. Mogliemammadonna
  66. L’apprendista
  67. Contessa Adelasia
  68. Giulio
  69. La fra
  70. 6 cuori e una casetta
Se volete partecipare potete lasciare un commento qui.
Vinca il migliore!