mercoledì 17 febbraio 2016

Quando Corie aveva un gatto

Corie aveva un gatto quando era single.
Viveva già nella cittadinadimare. 
Non volle dargli un nome, in omaggio a "Colazione da Tiffany" di Audrey Hepburn.  
Corie lavorava, Lui giocava tutto il giorno in giardino.
Gatto fu per Corie single davvero un grande amore.
Le veniva incontro la sera, riconoscendo la macchina, le saltava sul cofano.
Ascoltava pazientemente ore e ore di preparazione all'esame del master.
Dormiva facendo le fusa.
Un gran figo di gatto, tra l'altro. 
Bastardino, dal pelo lungo e la coda pelosa e soffice.
Faceva conquiste, lui.
Ebbe un primo amore, la gattina della porta accanto: magra, dal pelo grigio, un po' altezzosa. Era talmente innamorato che costringeva Corie a salvarla quando rimaneva sul tetto della casa di fronte, incapace di scendere.
Hanno messo su famiglia. Poi lei lo mollò.
Si consolò con una gattina nera: magra, carina, ma plebea e randagia.
Ma non fu vero amore. Non durò.
Iniziò così il tempo delle sue avventure. Corie lo vedeva uscire la mattina presto e tornare a notte fonda, e non sapeva più chi frequentasse e che compagnie avesse. Sapeva solo che quando tornava aveva bisogno di tante coccole, e che quando stavano insieme continuavano a farsi tanta compagnia.
Quando lo conobbe Bimba, Gatto era già diventato più casalingo, più sornione. 
Bimba lo chiamava Uaua, non si è mai capito il perchè.
In famiglia, invece, lo chiamavano l'Aristogatto : era talmente sazio che giocava con i topolini, e quando Corie gli portava il cibo in giardino, rimaneva a guardare mentre altri gatti lo mangiavano al posto suo.
Ma non rinunciava a combattere per qualche bella gattina.
Quasi tutti i pomeriggi tornava ferito e graffiato, una volta addirittura pieno di spine.
Fino a quando non tornò mesto mesto, sanguinante e dolente.
Corie corse a prendere il trasportino in cantina per portarlo subito dal veterinario.
Quando risalì in giardino, però, Gatto era già andato via.
E non è più tornato.
E' stato un grande amore, però, ed è rimasto nei ricordi di famiglia di Casa Bratter.

Gira voce nel web che sia il giorno del gatto. 
Non potevo dimenticarmi di lui.
Posta un commento