lunedì 28 febbraio 2011

A lume di candela

Black out a casa Bratter.
Dalle 17 alle 23,30 di ieri sera abbiamo vissuto come le nostre nonne da bambine (ovviamente quelle mie e di Paul...).
Finalmente gli innumerevoli e incantevoli candelabri della lista nozze sono ritornati utili, e menomale che avevamo una bella scorta di candele, che a casa Bratter le torce elettriche sono robe troppo avanti.

Però, non é male sul crespuscolo cercare un po' di luce sul balcone, e nel frattempo fare quattro chiacchiere con la mia amica P., dirimpettaia, cercando di raccontarci tutta la lunghissima telefonata con l'amica C.

Bimbo appena ha visto le luci tutte spente ha deciso che era arrivata l'ora di andare a ninna, almeno per il momento.

Bimba, dopo (non) essersi fatta una ragione del mancato cartone animato delle 20,30, non ha però rinunciato alle due favolette serali.
Poche letture hanno lo stesso sapore delle favole delle principesse lette al lume di candela, cercando di non bruciarsi capelli e pigiamino.

E vogliamo parlare di leggere il giallo di turno con la luce della candela sul comodino?
E questo é stato il finale romantico della serata. Paul ha la bronchite.
Posta un commento